Un altro giro: la pellicola che ha vinto l’Oscar al miglior film internazionale

un altro giro film recensione

Un altro giro (Druk in lingua originale) è un film del 2020 diretto dal regista danese Thomas Vinterberg.

La pellicola, durante la serata degli Oscar 2021, ha vinto la statuetta al miglior film in lingua straniera.

Un altro giro, la trama

Martin, un professore di storia in una scuola superiore, scopre che le persone che lo circondano – i suoi studenti, i suoi amici e persino sua moglie – lo trovano noioso. In passato Martin, quando era più giovane, è stato un docente brillante e un marito appassionato, ma ora ha perso tutta la sua vitalità.

Una sera mentre Martin è a cena con i colleghi e amici Tommy, Nicolaj e Peter, anch’essi demotivati dalla routine della vita quotidiana, decide con loro di portare avanti un esperimento. I quattro vogliono dimostrare che la teoria dello psichiatra norvegese Finn Skårderud, secondo cui il corpo umano nascerebbe con un deficit alcolico pari allo 0,05% sia vera. Di conseguenza stabiliscono che dal giorno successivo assumeranno piccole quantità di alcol per colmare questo deficit e per migliorare il proprio rendimento professionale e la vita privata.

Martin perfeziona il metodo ispirandosi a Ernest Hemingway, il quale avrebbe detto che se un essere umano smette di bere alle 20:00 trova una sorta di equilibrio tra lavoro, vita privata e alcol. I quattro andranno così avanti con l’esperimento finché non decideranno di aumentare ulteriormente il tasso alcolico nel sangue, con conseguenze disastrose.

È inevitabile infatti che il bere rovini le carriere, i matrimoni e le relazioni in generale.

Un altro giro, la recensione

Vinterberg dirige un film sublime, affrontando un tema delicato in modo provocatorio. In Un altro giro, seppur siano evidenti le conseguenze dell’abuso di alcol, la regia offre anche un punto di vista inedito: bere moderatamente può aiutare a migliorare i propri rapporti sociali, a sentirsi a proprio agio in situazioni difficili, a eliminare le proprie ansie.

Vediamo una scena, per esempio, in cui un professore incoraggia un proprio studente a bere un goccio prima dell’esame in modo tale da sciogliere le preoccupazioni e, di conseguenza, la lingua.

Vinterberg parla allo spettatore della libertà di scelta, della possibilità di seguire il proprio istinto anche se si rischia di andare contro le convenzioni socialmente accettate. Un altro giro infatti non è un film drammatico, ma una pellicola che ci spiega le conseguenze tragi-comiche dell’assunzione di alcolici. Delicato e dolcissimo è il finale in cui Martin vola libero.

Il mio voto è quattro stelle su cinque.

Un altro giro, il remake

Un altro giroAnother Round in inglese – ha vinto l’Oscar al miglior lungometraggio internazionale, dopo aver trionfato nella stessa categoria ai Bafta. Del film sarà prodotto un remake in lingua originale inglese in cui il protagonista, interpretato magistralmente nella versione originale da Mads Mikkelsen, sarà Leonardo Di Caprio. Non è stato confermato nessuno come regista, né come sceneggiatore. L’unica cosa certa è che Vinterberg non sarà coinvolto in questo progetto, nonostante abbia già girato film in lingua inglese in passato.

Valeria de Bari

E se vuoi leggere le recensioni degli altri film candidati agli Oscar 2021 non puoi perdere gli articoli su Nomadland, The Father e Mank.

Le immagini contenute in quest’articolo sono riprodotte in osservanza dell’articolo 70, comma 1, Legge 22 aprile 1941 n. 633 sulla Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio. Si tratta, infatti, di «riassunto, […] citazione o […] riproduzione di brani o di parti di opera […]» utilizzati «per uso di critica o di discussione», nonché per mere finalità illustrative e per fini non commerciali. La presenza in CulturaMente non costituisce «concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera».

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui