L’amica geniale 3: novità e recensioni delle puntate della nuova stagione

l-amica-geniale-3-stagione

A distanza di circa due anni, sta per tornare su RaiUno “L’amica geniale”, serie tratta dall’omonima saga letteraria di Elena Ferrante. Gli otto episodi che danno vita alle pagine del terzo libro, Storia di chi fugge e di chi resta, saranno trasmessi in quattro serate a partire da domenica 6 febbraio alle ore 21.25.

Noi di CulturaMente, però, abbiamo avuto accesso a un’anteprima esclusiva in occasione della conferenza stampa che si è tenuta il 26 gennaio. Infatti, abbiamo potuto dare un’occhiata ai primi due episodi della stagione e siamo pronti a darvene un assaggio, rigorosamente no spoiler.

I primi due episodi

Nella scorsa stagione avevamo lasciato le due amiche distanti sia a livello sociale che geografico, ma entrambe in procinto di affrontare le sfide dell’età adulta. Mentre Lila, dopo il fallimento del suo matrimonio e la nascita del figlio Rino, deve guadagnarsi da vivere lavorando in fabbrica, Lenù si è affermata come scrittrice.

Riprendendo uno schema narrativo che abbiamo conosciuto all’inizio della seconda serie, i primi due episodi sono incentrati ciascuno su una delle due protagoniste. Prima seguiamo le vicende di Lenù ormai lontana da Napoli e alle prese con il fidanzamento ufficiale con Pietro Airota messo in crisi dalla ricomparsa di Nino Sarratore. Nel frattempo arrivano le prime recensioni del suo romanzo che mettono in crisi le sue certezze e la volontà di continuare a scrivere.

Lila, invece, rimasta a Napoli continua a lottare per la sopravvivenza sua e del figlio. È logorata dal punto di vista fisico, ma sempre vivace a livello intellettuale. Vive insieme a Enzo Scanno e con lui la sera studia i princìpi dell’elettronica, intuendo le potenzialità del linguaggio binario. Con il suo lavoro in fabbrica sarà coinvolta nei movimenti di protesta sociale tipici di quegli anni. Siamo, infatti, a ridosso del ’68 e le manifestazioni di rivendicazione comunista e femminista avrebbero presto iniziato a farsi sentire in tutta la penisola.

L’amicizia tra le due protagoniste riuscirà a mantenersi salda nonostante le differenti esperienze?

Le novità della stagione: il cambio di regia

Alla conferenza stampa di mercoledì 26 gennaio erano presenti il regista Daniele Luchetti, gli sceneggiatori Laura Paolucci e Francesco Piccolo e alcuni membri del cast, tra cui le protagoniste Margherita Mazzucco (Lenù) e Gaia Girace (Lila). Tutti loro hanno avuto modo di raccontare l’esperienza delle riprese avvenute in circostanze straordinarie dovute alla pandemia.

La novità di quest’anno è la presenza del regista Luchetti che sostituisce Saverio Costanzo, creatore dell’universo visivo della saga della Ferrante. Da una parte Luchetti si è mantenuto fedele allo stile delle prime stagioni e soprattutto alle pagine dell’autrice, ben sapendo di non poter deludere i fan più affezionati. Dall’altra ha voluto metterci del suo. Portando sul set un metodo di lavoro caro al cinema degli anni ’70, Luchetti ha permesso agli attori e alle attrici di vivere emozionalmente la scena, lasciandosi andare all’improvvisazione oltre che alle battute del copione. Proprio in virtù di una rappresentazione il più possibile realistica, il regista ha trascorso del tempo anche con le comparse, per spiegare loro il clima degli anni di lotta che stavano interpretando e che molti non conoscevano a causa della loro giovane età.

L’urgenza di verità deriva anche dalla vicinanza con la questione femminista che Luchetti ha vissuto in maniera autobiografica tramite l’esperienza della madre. Una madre che non ha avuto le opportunità che avrebbe desiderato e per questo ha sviluppato un forte rancore verso la società. Questa rabbia ha portato il figlio Daniele a chiedersi quali siano le sue responsabilità in quanto maschio.

Le protagoniste

Luchetti è stata una guida fondamentale per le attrici protagoniste, permettendo loro non solo di sperimentare la vasta gamma emotiva dei loro personaggi ma anche di farlo divertendosi.

Questa leggerezza è servita alle due per mantenere viva la passione per il loro lavoro e per affrontare al meglio la loro crescita che, è inutile negarlo, non è come quella degli altri adolescenti. Infatti, Gaia Girace ha confessato di aver passato un momento di crisi in cui non era più sicura del suo futuro professionale. Anche i rapporti con i coetanei hanno risentito della sua fama, tanto che l’attrice ha dichiarato di non avere molti amici e soprattutto di credere poco nell’amicizia femminile.

Infatti, neanche il rapporto con Mazzucco si è tradotto in una vera e propria amicizia al di fuori del set. Luchetti definisce la loro relazione “ambigua”, ma funzionale alle dinamiche tra i due personaggi. Il rapporto tra Lila e Lenù è di certo particolare e molti faticano a dargli un inquadramento specifico. Le stesse attrici dicono che “non è un rapporto di amicizia”. Questa stagione ci chiarirà meglio le idee? Forse, le complicherà ulteriormente.

Elena Ferrante presente a distanza

Anche per questa stagione il lavoro degli sceneggiatori Paolucci e Piccolo è stato supervisionato tramite un intenso scambio di e-mail dall’autrice Elena Ferrante. A chi ha chiesto loro se conoscessero la vera identità della scrittrice, i due hanno sempre risposto di non essere interessati alla risposta. Per loro, Ferrante è un’entità brillante che non ha bisogno di palesarsi (Sarà… ma a noi la curiosità rimane!).

Se anche voi non vedete l’ora di scoprire come si evolverà la vicenda di Lila e Lenù, non vi resta che vedere gli episodi e poi leggere le nostre recensioni!

Ma quando escono i nuovi episodi?

Clicca sull’articolo per leggere il nostro commento sulla puntata.

Recensione puntata per puntata

L’intervista con Salvatore Tortora

Tra i nuovi ingressi di questa stagione ci sarà anche Savatore Tortora, giovanissimo attore interprete di Gennarino, il figlio di Lila. Abbiamo avuto l’opportunità di intervistarlo.

Federica Crisci e Francesca Papa

Le immagini contenute in quest’articolo sono riprodotte in osservanza dell’articolo 70, comma 1, Legge 22 aprile 1941 n. 633 sulla Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio. Si tratta, infatti, di «riassunto, […] citazione o […] riproduzione di brani o di parti di opera […]» utilizzati «per uso di critica o di discussione», nonché per mere finalità illustrative e per fini non commerciali. La presenza in CulturaMente non costituisce «concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera».

Sono laureata in Italianistica e insegno lettere. Amo la letteratura e tutto quello che riguarda la lingua italiana, ma sono anche una grande appassionata di serie tv e di musica.

COMMENTA QUESTA DOSE DI CULTURA

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui