Cannabis light: tutto sulla pianta più chiacchierata degli ultimi anni

La canapa light, detta anche erba legale, cannabis light e marijuana legale, è esattamente la pianta di Cannabis Sativa L. a bassissimo contenuto di THC, cannabinoide psicoattivo. Si tratta dunque della comunissima pianta di canapa, ma senza effetti psicotropi.

In questi anni si è molto dibattuto sulla sua legalità e sui vari effetti del cbd sulla salute umana. Ancora adesso sono in corso diversi studi per comprenderne meglio i possibili ambiti di utilizzo ma capiamo allora passo passo che cosa è il cbd, come funziona la canapa light, com’è la situazione in Europa e quali utilizzi se ne possono fare.

Ma che cos’è precisamente la Cannabis light, quali sono i suoi effetti e perché, ogni mese, centinaia di migliaia di persone continuano a scegliere la canapa light online di Justbob o di altri shop specializzati. Il limite di THC imposto dalla Commissione Europea (e confermato dalla Camera dei deputati e dal Senato della Repubblica italiani) è inferiore allo 0,2%, la quantità perfetta per evitare qualsiasi effetto sulla psiche umana.

Infatti, sebbene la pianta di canapa abbia infiniti utilizzi — dall’industria tessile a quella alimentare, dalla cosmetica alla plastica e molto altro — da sempre è stata impiegata anche a scopo ricreativo e terapeutico.

Gli effetti psicotropi del tetraidrocannabinolo (THC) l’hanno quindi portata a classificarsi come una delle droghe più utilizzate al mondo.

Per consentire il riavvio della coltivazione di canapa, pianta benefica per l’uomo e per l’ambiente, ma allo stesso tempo evitare i suoi effetti psicoattivi (tra cui forte euforia, problemi della memoria e alterazione motoria, percettiva e cognitiva), l’Unione europea ha dunque deciso di approvare la coltivazione della pianta con percentuali di THC esigue.

In Italia, ad esempio, si possono coltivare piante di canapa a bassissimo THC senza particolari autorizzazioni e si possono produrre materie organiche, prodotti destinati al florovivaismo, alimenti, cosmetici e molto altro ancora.

Il termine canapa light, oltre che alla pianta in sé, si riferisce anche ai fiori di cannabis legale, inizialmente demonizzati perché del tutto simili ai fiori di marijuana psicoattiva ma poi vastamente accettati (e richiesti) in tutta Europa.

Effetti della cannabis light: non psicoattivi ma benefici

La canapa legale contiene meno dello 0,2% di THC, ma grazie alla quasi totale assenza di questo cannabinoide se ne fa strada un altro: si tratta del CBD, abbreviazione di cannabidiolo, principio attivo forte oggetto di studio in campo medico-scientifico.

Il cannabidiolo, presente in alte quantità nei fiori di cannabis light, non presenta effetti psicoattivi e non altera in alcun modo la nostra percezione della realtà. Scatena invece dei forti effetti benefici; è infatti una sostanza:

  • Antidolorifica
  • Antinfiammatoria
  • Immunoregolatrice
  • Antiossidante
  • Antiemetica
  • Antispastica
  • Ipotensiva

Non è un caso che, da quando gli studiosi hanno scoperto questi esiti, la ricerca sul CBD è aumentata a livello esponenziale e applicata prima sulle cavie e, successivamente, sull’uomo. Essendo i fiori di erba light ricchi di CBD, ne consegue che abbiano gli stessi benefici del principio attivo in essi contenuto. Inoltre, a differenza della marijuana ad alto THC, la marijuana legale non è considerabile una droga poiché non agisce in alcun modo sulla nostra psiche. Attenzione, però, perché in Italia è possibile acquistare prodotti a base di canapa ma il loro consumo prevede delle sanzioni!

Come si può utilizzare l’erba legale in Italia

In Italia la cannabis light è regolata dalla legge 242/2016 che, tra i possibili utilizzi della canapa, non include in alcun modo il suo consumo (a meno che non si tratti di alimenti come semi, farine e prodotti derivati, che necessitano di apposita certificazione). Per il momento è possibile solo collezionare erba light, olio CBD ed estratti di diverse tipologie, utilizzandoli al massimo come deodoranti per ambienti sfruttando il delicato aroma che emanano. L’olio id cbd, per esempio è un alimento particolarmente versatile ed è possibile integrarlo nella nostra alimentazione in associazione alle bevande oppure come condimento alle nostre insalate, a seconda della concentrazione, della frequenza e del quantitativo che decidiamo di assumere, potremmo avere effetti rilassanti e antiossidanti solo per citarne alcuni. Dopo che il cbd è stato inserito nei cosiddetti Novel food, possiamo beneficiare delle sue proprietà esaltando piatti gustosi e anche fantasiosi. Per il momento, però, dobbiamo aspettare un disegno di legge dedicato al consumo, anche se possiamo continuare ad acquistare marijuana light online nei migliori negozi.

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui