IT, la paura che rende invincibili

it film 1990 vecchio

Galleggiano, galleggiano tutti e anche tu galleggeraiit film 1990

Titolo originale: It
Regista: Tommy Lee Wallace
Sceneggiatura: Lawrence D. Cohen, Tommy Lee Wallace
Cast Principale: Tim Curry, Annette O’Toole, Richard Thomas, Jonathan Brandis, Seth Green
Nazione: USA
Anno: 1990

Manca poco ormai all’attesissimo ritorno di IT sul grande schermo.

IT, il film del 1990 in due parti, tratto dal celebre romanzo dello scrittore, con tutti i limiti di una grafica ormai obsoleta (come dimenticare il ragnone del finale?!), è entrato nel cuore di tutti coloro che l’hanno visto.

Le musiche, l’atmosfera anni Sessanta, le corse in bicicletta: sono tanti i dettagli che hanno reso questo film per il piccolo schermo qualcosa di molto, molto più grande. Tanto che dal 1990 nessuno ha provato ad emulare la miniserie, fino a IT, il film del 2017.

La storia del piccolo Georgie che rincorre la sua barchetta per poi essere ucciso brutalmente dal serial killer Pennywise è impossibile da dimenticare. L’immagine del clown con i denti aguzzi ha perseguitato la nostra infanzia, ma la suggestione di IT, e forse la sua immensa forza, sta nel fatto che non esaurisce il suo fascino nei confini del film dell’orrore.

IT è una storia di amicizia. Il “team dei perdenti” è il fulcro di tutto: i bambini, e poi gli adulti, che tirano fuori le proprie paure, che le trasformano in coraggio per sconfiggere il male, sono dei protagonisti assolutamente irripetibili. I piccoli attori del cast hanno fatto innamorare tutti noi: dall’impavido Bill alla determinata Bev, dal dolce Mike al boy scout Ritchie, dall’ipocondriaco Eddie al comico Stanley, fino al saggio Mike.

Ma se c’è una cosa che insegna questa pellicola, sulla falsariga del libro da cui è tratta, è che non c’è paura che non possa essere sconfitta con un amico vero al proprio fianco.

Le immagini contenute in quest’articolo sono riprodotte in osservanza dell’articolo 70, comma 1, Legge 22 aprile 1941 n. 633 sulla Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio. Si tratta, infatti, di «riassunto, […] citazione o […] riproduzione di brani o di parti di opera […]» utilizzati «per uso di critica o di discussione», nonché per mere finalità illustrative e per fini non commerciali. La presenza in CulturaMente non costituisce «concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera».

IT 2017, la recensione

IT 2019, La recensione

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui