“Fleabag” e “Undone”: due serie tv da non perdere su Amazon Prime

serie tv amazon
serie tv amazon

Ci sono serie tv che passano in sordina e che invece meriterebbero più attenzione per la loro brillantezza e originalità.

Qui vi propongo due serie da non perdere disponibili su Amazon Prime Video: Undone e Fleabag.

In entrambe le serie tv Amazon troverete una protagonista archetipica che fa parte di una generazione di donne trentenni, indipendenti e occasionalmente single sommerse da incertezze, insoddisfazioni, dubbi e frustrazione.

Undone

Undone è una serie originale Amazon Prime Video creata Raphael Bob-Waksberg e Kate Purdy, che hanno già collaborato per la stesura della sceneggiatura di BoJack Horseman serie d’animazione di successo targata Netflix.

La peculiarità della serie è l’uso del rotoscopio, una tecnica utilizzata per creare un cartone animato in cui le figure umane risultino realistiche. Il disegnatore ricalca le scene a partire da una pellicola filmata in precedenza con attori veri.

Il cast è guidato da Rosa Salazar conosciuta dal grande pubblico soprattutto per aver preso parte a Parenthood e American Horror Story.

La trama di Undone sembra quella di una comunissima dramedy. La protagonista Alma ha 28 anni, un normale lavoro da maestra d’asilo che non le procura nessuna soddisfazione, una relazione con un uomo con il quale non farebbe mai un progetto di vita a lungo termine.

Alma si sta lasciando vivere ed è intrappolata in una routine noiosa. Ha poi una sorella più realizzata ed equilibrata di lei e una madre apprensiva.

Di Alma scopriamo subito che suo padre morì in un incidente quando lei era piccola e che si dice che sua nonna fosse schizofrenica.

Queste sono le premesse per lo sviluppo di una normalissima storia drammatica. La narrazione prevede però anche momenti più leggeri: Alma è frustrata, ma non del tutto rassegnata. 

Già nel primo episodio Alma ha un incidente in seguito al quale tutto viene messo in discussione.

La storia che sembrava un po’ un dramma e un po’ una commedia diventa anche un giallo e una profonda riflessione su temi grandi e complessi: la relazione tra spazio e tempo, l’elaborazione del lutto, il confine tra sogno e realtà.

Alma sviluppa una visione alterata della realtà e del tempo. Ci sono momenti in cui interagisce con il padre deceduto; ce ne sono altri in cui torna a rivivere episodi del passato; altri ancora in cui è incastrata in un loop.

Suo padre Jacob le dice che il suo dono è reale e che può usarlo per salvarlo, ma allo spettatore rimane il dubbio: Alma ha sviluppato una sorta di talento latente che le permette di fare quello che fa oppure è tutto un prodotto della sua mente?

Siamo noi a decidere quale delle due interpretazioni riservare alla storia. D’altronde molti di noi si stanno ancora chiedendo se la trottola smette di girare o meno nel finale di Inception.

Undone merita di essere guardata almeno per tre motivi: l’originalità dell’estetica, la particolarità della narrazione, la brillantezza della sceneggiatura.

Fleabag

Fleabag è una miniserie ideata, scritta e interpretata dall’attrice e commediografa inglese Phoebe Waller-Bridge, premiata agli ultimi Emmy sia per la sceneggiatura che per l’interpretazione.

Il titolo, traducibile come persona sgradevole, è il soprannome della protagonista di cui non conosceremo mai il vero nome.

Fleabag è una giovane donna metropolitana, una più che ventenne, o quasi trentenne, sessualmente promiscua ma con una relazione fatta di continue rotture e riappacificazioni.

Ha una sorella sposata e realizzata professionalmente, un padre assente e un’odiosa matrigna. Aveva una migliore amica, morta suicida per una delusione d’amore, con la quale condivideva spese e profitti di un bar a tema porcellino d’India che giorno dopo giorno vede fallire.

Fleabag è una donna imperfetta dotata di un sarcasmo che semplicemente adorerete dal primo istante.

Valeria de Bari

E se avete voglia di guardare un film su Amazon non perdete la recensione di The Report scritta da Alessio Zuccari:

Le immagini contenute in questa recensione sono riprodotte in osservanza dell’articolo 70, comma 1, Legge 22 aprile 1941 n. 633 sulla Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio. Si tratta, infatti, di «di parti di opera […]» utilizzate «per uso di critica o di discussione», nonché per mere finalità illustrative e per fini non commerciali. La presenza in CulturaMente non costituisce «concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera».

Cerchi serie tv da vedere?

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui