Venezia 2018: Suspiria, lasciate ogni speranza voi che vedete

suspiria Venezia 75

Nel singolare finale del film, un personaggio esclama una frase decisa: “questa non è arte!”. E siamo d’accordo: Suspiria non è arte.

Assodato ciò, non è comunque facile inquadrare la creatura di Luca Guadagnino. Non è nemmeno facile capire se quella battuta fosse casuale, o un gioco del regista verso chi sarebbe stato pronto ad accusare il film. Un gioco e una provocazione, quel momento come tutto Suspiria. O forse nemmeno questo, ma un qualcosa con alte velleità pretenziose che Guadagnino non è riuscito a seguire.

Perché Suspiria è un film molto meno indimenticabile di quanto si pensasse alla vigilia, e di quanto volesse il suo creatore. Come pseudo-horror ha pochissimo da far paura, ancora meno crea inquietudine, e le pochissime scene di tensione fanno quasi dire “tutto qui” dopo tutte le chiacchiere precedenti. C’è il pregio di lasciar immediatamente scoprire la natura della vicenda, ma al tempo stesso tale scelta disintegra la tensione. Il paragone col caposaldo omonimo di Dario Argento non esiste, perché questo Suspiria è diversissimo. Lo è come approccio, ambizioni, finalità, ma ovviamente quando si vuole alzare troppo l’asticelle le cose più semplici, ovvero attenersi semplicemente al genere come fece Argento, riescono meglio.

Suspiria è un tableu di tantissime cose che finiscono inevitabilmente per cozzare con loro.

Un film vittima di lungaggini narrative e registiche, con sottotrame senza capo né coda. Personaggi sottoutilizzati, le cui motivazioni e improvvise evoluzioni non ha mai una chiara definizione. Va benissimo metaforizzare il trauma della Germania post-bellica col soprannaturale, è una bella trovata ma appunto solo un punto di partenza, poi va approfondito e non lasciato così nel vuoto. Un film che ribolle di tantissime cose interessanti, questo va dato atto a Guadagnino, ma così tante che presto la bussola salta.

Problemi di senso, problemi di tensione, che creano un labirinto cinematografico molto poco sensoriale, praticamente zero emozionale, nel quale si spreca qualsiasi elemento. Attori sprecati, estetica sprecata, omaggio al film di Argento sprecato.

Certo, detto così pare che Suspiria sia davvero pessimo. Non è il caso, sia chiaro, Suspiria ha idee e già questo è un pregio. Ma non sa cosa farne, e crolla sotto il peso delle sue stesse ambizioni, diventando una enorme occasione buttata. Talvolta fare meno, volere meno, pensare a stupire meno, non è necessariamente una diminutio. Fare cinema è anche sapersi frenare.

.

Emanuele D’Aniello

1 Commento

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui