La stagione del centenario. Il teatro Eliseo festeggia i suoi primi 100 anni

Teatro Eliseo programmazione

La prossima stagione del Teatro Eliseo sarà quella del Centenario. Per festeggiare l’importante anniversario è stato allestito un cartellone con spettacoli davvero imperdibili.

 

Ogni compleanno che si rispetti va adeguatamente festeggiato, specie quando si tratta di una ricorrenza come quella dei cento anni. E sì, perché il Teatro Eliseo, in questo 2018, spegne ben cento candeline.

Nel lontano 1918, quando nel nostro paese ancora imperversava la Prima Guerra mondiale, quel luogo situato su via Nazionale, assunse il definitivo nome di Eliseo.
Il progenitore dell’attuale teatro era nato nella primavera del 1900. Si trattava di un’arena all’aperto, da qui il nome di Arena Nazionale, soltanto un palcoscenico con una piccola tettoia.
Nel settembre del 1910 fu inaugurato, sulle ceneri del vecchio teatro ligneo, una nuova struttura, totalmente in muratura, dall’epico nome di Apollo.

Devono trascorre ancora otto anni perché si arrivi al nome definitivo.

Nel maggio del 1918 viene indetto un concorso per dare un nuovo nome al teatro. Prevarrà su tutti quello di Eliseo e sarà un successo.
La prima gestione del rinnovato e ribattezzato teatro fu affidata a Mentore Clerici. Questi in poco tempo e con scelte azzeccate, trasformò l’Eliseo in uno dei luoghi simbolo di tutto il firmamento teatrale romano e non solo.
Nel 1931 su quel palcoscenico debuttò Totò, il primo di un’infinità di grandissimi attori italiani.
All’Eliseo, nel corso di questi straordinari cento anni, si esibiscono attori e registi del calibro di Edoardo De Filippo, Ettore Petrolini, Macario, Anna Magnani, Paolo Stoppa, Vittorio Gassman o la grandissima Monica Vitti.

Ma anche Luchino Visconti, Franco Zeffirelli, Arnoldo Foà, Marcello Mastroianni, Mariangela Melato, Ugo Tognazzi, Nino Manfredi e moltissimi altri.
Per celebrare nel migliore modo una ricorrenza così speciale, la direzione dell’Eliseo ha deciso di confezionare una stagione con i fiocchi.

Ad aprire il sipario il 30 ottobre ci sarà Cyrano De Bergerac di Edmond Rostand, per la regia di Nicoletta Robello Bracciforti con Luca Barbareschi, Maurizio Lastrico e Valentina Bellè.
A seguire un classico del teatro greco antico: Le Rane di Aristofane per la regia di Giorgio Barberio Corsetti con Salvo Ficarra e Valentino Picone, il famoso duo comico siciliano.
L’11 dicembre sarà la volta di Salomè di Oscar Wilde diretto da Luca Fusco con Eros Pagni; a seguire Miseria e Nobiltà con il bravissimo Lello Arena.
L’anno nuovo si aprirà per l’Eliseo con la trasposizione teatrale del Il Maestro e Margherita. A firmare la regia di uno dei capolavori della letteratura mondiale sarà Andrea Baracco.
Subito dopo ancora un classico russo: I Fratelli Karamazov di Fëdor Dostoevskij, con Glauco Mauri e Roberto Sturno.

Il finale della stagione all’Eliseo è con i botti.

Si parte con La Commedia di Gaetanaccio, di Luigi Magni con Giorgio Tirabassi e Carlotta Proietti. Si prosegue con I Giganti della Montagna diretto da Gabriele Lavia e si chiude, infine, con Novecento di Alessandro Baricco, per la regia di Gabriele Vacis.

Non meno suggestivo è il cartellone del Piccolo Eliseo.

Ad aprire le danze Il Gatto di Georges Simenon, riduzione teatrale che vedrà protagonisti Alvia Reale, Elia Schilton e Silvia Maino.
Sarà poi la volta del Il Giorno del mio compleanno, di Amati enigmi, della Triologia Carrozzeria Orfeo e , di Fuorigioco – The Pass.
Il 21 febbraio andrà in scena Shakespea Re di Napoli, a cui seguiranno Regina Madre, Zero e Muhammad Ali.
Chiuderanno la stagione Autobiografia Erotica di Domenico Starnone, per la regia di Andrea De Rosa e Spoglia-Toy, uno spettacolo di Luciano Melchionna.

Insomma non resta che sedersi e attendere frementi che si alzi il sipario

 

Maurizio Carvigno

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui