Dracula arriva a Roma, con un’interpretazione “da brivido” di Sergio Rubini

dracula-di-bram-stoker-sergio-rubini

Al Teatro Ambra Jovinelli di Roma arriva Dracula con uno strepitoso Sergio Rubini

A due passi dalla stazione Termini di Roma sorge un luogo incantato: il Teatro Ambra Jovinelli, un teatro tutto in stile liberty dove si respira un’aria gotica e del tutto surreale, perfetta per lo spettacolo più “spaventoso” di tutti i tempi, Dracula.

Il romanzo ricco di suspense di Bram Stoker viene portato egregiamente in scena da due attori strepitosi, come Luigi Lo Cascio e Sergio Rubini. Non nascondendo il mio amore spudorato per quest’ultimo, posso solo aggiungere che è un attore a tutto tondo: domina il palcoscenico a suo piacimento.

Rubini riveste i panni di Van Helsing, antagonista del conte Dracula, professore universitario olandese esperto di riti dell’occulto. Egli crede fermamente nel soprannaturale e nei fenomeni elettromagnetici dei corpi astrali. Il suo compito più arduo sarà quello di convincere i propri compagni di avventura ad accettare la presenza del soprannaturale.

Riuscirà a farlo solo grazie alla morte di Lucy Westenra, qualche giorno prima trasformata in vampira, che farà ricredere anche il suo allievo più razionale, il dottor Seward.

Luigi Lo Cascio interpreta, invece, Jonathan Harker, un avvocato inglese che visita la Transilvania per concludere un affare immobiliare, che sarà costretto a confrontarsi con il nobile padrone del castello: il conte Dracula.

Foto in esclusiva della prima di “Dracula” il 3 aprile 2019, Teatro Ambra Jovinelli, di Filippo Manzini.

Il successo del conte più amato di tutti i tempi è inevitabile anche a teatro: ci piace tanto perché mette in primo piano i misteri più affascinanti di tutti i tempi: la morte, il sangue, l’amore e i loro imprescindibili legami.

Un altro aspetto molto accattivante di quest’opera è senza dubbio la sua natura epistolare: anche la messa in scena inizia con la stesura di un diario, da cui prende vita lo spettacolo della durata complessiva di 120 minuti.

La scenografia è molto semplice e al tempo stesso impressionante: solo qualche velo di stoffa e un gioco di ombre per realizzare un castello davvero pauroso. Emozionante la nevicata che ad un certo punto rende tutto più suggestivo.

Con due attori di spessore e in gamba come Lo Cascio e Rubini l’intera rappresentazione teatrale non può che essere una garanzia.

Potrete assistere allo spettacolo dal 3 al 14 aprile 2019 presso il Teatro Ambra Jovinelli di Roma. Per info e prenotazioni: cliccare qui.

Alessandra Santini

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui