Upload: la nuova serie tv sci-fi su Amazon Prime Video

Upload serie tv amazon
Upload serie tv amazon

Cosa succede dopo la morte? C’è chi crede nella vita ultraterrena in paradiso o all’inferno; chi pensa ci sia la reincarnazione dello spirito; chi non sa rispondere alla domanda.

Nella serie tv Upload, disponibile su Amazon Prime Video dal primo maggio, c’è un’ulteriore possibilità per chi muore: trasferire, ovvero uploadare, la propria coscienza in un universo digitale.

L’idea di Greg Daniels, già creatore di The Office e Parks and Recreation, è di realizzare una sci-fi comedy ambientata in un futuro ipertecnologico in cui la gente si nutre di cibo stampato in 3D, i ricordi possono diventare dei veri e propri film, con titoli di coda annessi, e le automobili hanno il pilota automatico.

La peculiarità di questo futuro però è senz’altro quella di poter uploadare la propria coscienza in un mondo virtuale dopo la morte.

Upload, la trama

La vicenda di Upload, la serie tv, ruota attorno a Nathan Brown, un programmatore, che è protagonista di un brutto incidente automobilistico. 

Nathan in ospedale ha un’importante decisione da prendere e un dubbio amletico da risolvere: fare o non fare l’upload?

Dopo un’affrettata discussione con la sua fidanzata decide per il sì. Si ritroverà quindi a Lakeview, l’aldilà digitale gestito dalla famiglia della sua ragazza.

Terminato il procedimento di “caricamento”, il programmatore viene accolto da Nora, l’addetta al servizio clienti che sarà responsabile del suo avatar. I due diventeranno ben presto amici e confidenti e condivideranno un “affetto stabile”, per usare un’espressione inflazionata negli ultimi tempi.

Upload, la nostra recensione

Il tema di un mondo virtuale in cui potersi muovere utilizzando il proprio avatar non è nuovo nell’immaginario della produzione sci-fi.

Basti pensare all’episodio di Black Mirror intitolato San Junipero ambientato in un universo digitale costruito per funzionare come palliativo alle sofferenze terrene.

La serie, pur mettendo in scena un immaginario non originale, risulta godibile soprattutto per la sua vena comedy. La penna di Daniels è tangibile sia nei momenti di satira che nelle scene più triviali, come quella in cui il protagonista scopre che la sua pipì è programmata per finire nel water, qualunque sia la sua posizione.

Upload, il trailer

Valeria de Bari

Gli appassionati di serie sci-fi non dovrebbero perdere Tales from the Loop.

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui