The Crown 2: la regina svela il suo volto

The crown 2 serie tv

La regina Elisabetta svela il suo vero volto di donna

The Crown è una maschera. The Crown è una corazza. Nella seconda stagione dell’intrigante serie di stampo storico, originale Netflix, abbiamo apprezzato e conosciuto la vera Elisabetta. Una donna con i suoi alti e bassi. Una donna tormentata che cela sotto il peso della corona il dubbio delle sue responsabilità.

Una quotidianità regale scandita tra pubblico e privato in circostanze che la vedranno punzecchiata dal marito per il suo nuovo taglio di capelli, uditrice dell’infelicità di Jackie Kennedy e testimone della tormentata vita amorosa della vivace sorella Margareth.

La seconda stagione conferma il successo di questa serie televisiva.

Trionfo televisivo sancito anche da una spettatrice speciale. La regina d’Inghilterra, secondo il Sunday Express, avrebbe visionato alcune puntate. Tuttavia, secondo la fonte avrebbe affermato che alcune descrizioni degli eventi siano un po’ troppo drammatizzate ma che nonostante ciò ne sia rimasta piacevolmente colpita.

Netflix, che non dome sugli allori, ha già in cantiere la progettazione e la realizzazione della terza e della quarta serie.

The crown: l’importanza dell'impero britannicoLa superba Claire Foy però lascerà il trono ad Olivia Colmans.

La metaforica abdicazione al nuovo volto è dettata dalla volontà del creatore di far interpretare le differenti fasi della vita dei personaggi ad attori diversi. Siamo dunque curiosi di conoscere il nuovo interprete del duca di Edimburgo e consorte della regina.

The Crown è uno sceneggiato storico che ripete e risplende perfettamente le fasi della vita della Regina Elisabetta II. Nessun dettaglio è lasciato al caso: la fotografia, i costumi, la ricostruzione di Buckingam Palace, delle altre residenze reali e persino l’ubicazione di un soprammobile sono state ponderate per far riecheggiare la maestosità dell’Inghilterra.

Nonostante la Brexit, durante la visione di The Crown, ci si sente quasi un po’ filomonarchici e nostalgici di un’epoca e di una collocazione geografica mai vissuta.

Alessia Aleo

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui