American Gods: non è ancora il momento del crepuscolo degli Dei

american goods 2

American Gods 2, rinnovata da Amazon Prime Video: la prossima stagione disponibile dal 2019

«Ha qualcosa da dichiarare?»

«Non ho mai letto il best seller fantasy di Neil Gaiman dalla quale è tratto American Gods»

Questa premessa, liberatoria, era necessaria prima di potervi parlare della mia opinione sulla Serie TV American Gods.

Non ho potuto fare la comparazione con il libro tuttavia ho trovato questa trasposizione sul piccolo schermo geniale. Ho visto tutta la prima stagione d’un fiato e sono entusiasta perché ho la consapevolezza che sono in corso le riprese per la seconda stagione.

È un racconto corale che intreccia differenti mondi, terreni e non terreni, la cui tag-line “believe” offre la perfetta chiave di lettura per leggere su più livelli le vicende di American Gods.

La fotografia è impeccabile ma sono molte le scene crude. Scene, tuttavia, utili per il codice narrativo.

La vita di Shadow Moon, interpretato da Ricky Whittle, sarà totalmente stravolta all’uscita, anticipata, dal carcere. La morte di Laura e l’incontro con Mr. Wednesday segnano difatti l’incipit verso la redenzione.

Ian McShane nella vesti di Mr. Wednesday è ineccepibile.

Shadow Moon e Mr. Wednesday intraprenderanno un lungo viaggio. Incontreranno molti personaggi misteriosi. Molte di queste personalità seguiranno Wednesday il cui obiettivo è quello di radunare le forze ancestrali in vista della battaglia contro i nuovi dei.

L’uomo, ormai cinico e diffidente, avrà una nuova visione del mondo che lo porterà ad una pseudo redenzione nell’ultima puntata. Si troverà dinnanzi a scelte universali e da agnostico diventerà invece devoto al misterioso Mr. Wednesday perché con i suoi stessi occhi è riuscito a vedere la sua reale potenza.

La prima stagione, composta soltanto da otto episodi, presenta il campo sulla quale si scontreranno le nuove e le vecchie divinità.

Solo nell’ultima puntata si scoprirà la reale identità di Mr. Wednesday.

american goods 2

Gli dei tradizionali delle radici bibliche e mitologiche di tutto il mondo, arrivate in differenti ere in America, non hanno più molti seguaci. Sono in difficolta. L’uomo contemporaneo ha rivolto le sue attenzioni verso “altro”. È distratto e non sa più in cosa sia giusto credere. È completamente accecato dai falsi valori propinati dalle divinità tecnologiche.

L’attuale credo è infatti rivolto verso le divinità contemporanee, che contrariamente agli atavici dei sono assai più materiali.

I nuovi dei sono il denaro, la tecnologia, i media, la celebrità e la droga.

 American Gods è disponibile su Amazon Video.

Alessia Aleo

Alessia Aleo
Giornalista pubblicista, una grande passione per la moda. Sempre in viaggio e alla scoperta di nuove prospettive.

COMMENTA QUESTA DOSE DI CULTURA

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui