Venezia 2019 Day 4: la risata di Joker invade la laguna

joker venezia 2019

Joker in tutti i fumetti e film è famoso per i suoi sabotaggi, per i suoi piani diabolici. Allora il suo arrivo a Venezia 2019 è certamente coinciso con una delle sue strategie di caos più riuscite.

Improvvisamente, infatti, accedere alle sale è diventato difficilissimo. Tutto è una fila. Chi frequenta i festival cinematografici sa benissimo che le file sono parte integrante della giornata di ogni accreditato, ma quest’anno è diventato quasi impossibile accedere a molte proiezioni e rispettare, pertanto, la scaletta d’impegni personale. Anche a proiezioni che uno non si aspetta.

Chi lavora qui è diventato disorganizzato, come se la massa di persone l’avesse colto di sorpresa. L’ordine delle proiezioni, e la sovrapposizione dei film, è talvolta senza criterio. Sono aumentati esponenzialmente gli accreditati (soprattutto una fascia di giornalisti, qui ce ne sono quattro diverse) e le varie priorità stanno mandando in tilt le file, impedendo l’accesso alle sale anche a chi solitamente entra senza problemi.

Se questo è metaforicamente il caos portato da Joker è solo una battuta. Ma il Joker ha portato davvero qualcosa qua di impressionante: il suo film.

Sì, come un po’ tutti volevano alla vigilia essendo il titolo più atteso (le confermano le due proiezioni stampa entrambe sold out, fatto raro), Joker è davvero un film incredibile. Sinistro, inquietante, affascinante ed esaltante, raramente la discesa negli inferi nella mente perversa di un essere umana è stata tanto avvincente. La creazione del villain più famoso dei fumetti è diventata un film pazzesco, soprattutto perché riesce nell’impresa di traslare echi scorsesiani (su tutti Taxi Driver e Re Per Una Notte) e pura audacia cinematografica nell’ormai inflazionatissimo genere dei comic-book movies. Un character study che non fa prigionieri e, forse segna uno spartiacque su quello che si può fare col materiale tratto da fumetti.

Come si fa a ridere, a essere felici, a guardare dall’altra parte, quando l’intera società, l’intero mondo va a rotoli? Questa la domanda del film, che è così viva, attualissima, dannata e controversa e da lasciare i brividi. Soprattutto perché la risposta offerta dalla figura del Joker, ovvero impazzire, è forse paradossalmente l’unica accettabile. Almeno così è grazie a quanto convince la prova di Joaquin Phoenix, un esempio estremo di method acting che, come fece Heath Ledger un decennio fa, inevitabilmente influenzerà altre generazioni di fan e colleghi.

La giornata di Joker, però, ha offerto anche film interessanti provenienti da altre parti del mondo. Nella sezione Orizzonti, ad esempio, il tunisino Bik Eneich è un dramma, che più dramma non si può, su scelte disperate in tempi disperati. Per quanto un po’ manipolatore, è anche alla fine molto efficace. Da Giornate degli Autori, invece, il sudanese You Will Die at 20 è uno spaccato affascinante e coinvolgente sul peso dei riti delle superstizioni ancora esistenti nella vita delle persone, e come possano spesso rovinarla.

Cinema da tutto il mondo come ogni giorno qui a Venezia 2019 ma, davvero, l’eco della risata di Joker ha coperto tutto e rimarrà ancora per molto.

Emanuele D’Aniello

Emanuele DAniello
Malato di cinema, divoratore di serie tv, aspirante critico cinematografico.

COMMENTA QUESTA DOSE DI CULTURA

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui