Frantz, l’amore ai tempi della guerra

Frantz

Ai festival gli autori sanno anche cambiare il loro approccio.

Forse sarà l’età che avanza, forse saranno i temi trattati in passato mai leggeri che alla lunga creano un peso interiore non indifferente, forse saranno i tempi difficili che viviamo (soprattutto per un autore francese), ma Francois Ozon giunto al suo 16° lungometraggio non è mai stato così delicato prima d’ora.

Certo, il suo film Frantz ha in dote sempre radici non facili, su tutti il dolore e il lutto, ma uno come Ozon non è mai stato così poco controverso, così elegante, così tanto raffinato e delicato. Un tocco amorevole che passa sulla sua storia e sui suoi personaggi, che non a caso ne hanno davvero bisogno.

Frantz, e il titolo deriva infatti da un personaggio non presente sulla scena, è forse la risposta positiva e ottimista di Ozon al terrorismo odierno, e le immagini che mostra di una Francia e di una Germania ferite e distrutte dalla guerra nel 1918, con i suoi abitanti ancora scossi dal conflitto (la scena della Marsigliese non può non far venire in mente la tenacia e l’unione dei francesi di fronte ai recenti terribili fatti di cronaca) ci ricordano che il lutto è un sentimento personale ma anche globale, spesso e purtroppo. O forse magari si legge e io leggo troppo le righe, e così Frantz è soprattutto la storia di due essere umani uniti dalla tragica sorte oltre il proprio destino, in cerca di un punto di contatto comune per superare il dolore. L’elaborazione del lutto è un tema spesso affrontano dal cinema, ma il tocco delicato dell’autore francese è una lettera di speranza verso un futuro magari non migliore, ma ancora da costruire, possibilmente insieme a qualcuno.

Chi è abituato ai temi della sessualità di Ozon qui dovrà ricredersi, e più che stupire qui i protagonisti Pierre Niney e la giovane Paula Beer, splendida sopratutto quest’ultimo, faranno semmai innamorare per la loro fragilità mai nascosta ma anzi simbolo della necessità di andare avanti. Frantz evita il banale melodramma e invece di appesantire i sentimenti e schiacciarsi su di essi riesce a cogliere la leggerezza dei piccoli gesti e momenti, lasciando allo spettatore la voglia di sorridere al prossimo, nonostante tutto.

Emanuele D’Aniello

Malato di cinema, divoratore di serie tv, aspirante critico cinematografico.

COMMENTA QUESTA DOSE DI CULTURA

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui