British Museum online: la visita virtuale step by step

visita virtuale british museum

Londra è una città ricca di  cose da fare. In primavera inoltrata poi tutto si trasforma. Ma cosa possiamo fare se ci viene chiesto di stare a casa? Nulla, restiamo seduti comodamente perchè sono i musei a venire da noi.
Per voi la recensione della visita virtuale al British Museum.

Siamo una generazione di turisti. Ci piace viaggiare.  Sempre pronti col bagaglio alla mano, un biglietto aereo e il naso all’insù, persi nella bellezza. Allora non perdetevi la lista di visite virtuali da vedere.

Musei: un tour virtuale tra musei e collezioni ai tempi del Coronavirus

British Museum: visita virtuale, istruzioni per l’uso

Come molti musei durante questo  lock down, anche il British Museum di Londra si è adeguato aprendo le sue porte al mondo intero. Come affermato dal direttore del museo Neil MacGregor: «Ora è possibile rendere la nostra collezione accessibile, esplorabile e fruibile non sono a quelli che la visitano fisicamente, ma anche a tutti coloro che lo fanno attraverso un pc o un dispositivo mobile»

Il tour virtuale è reso possibile grazie alla collaborazione tra il museo e Google Cultural Institute. I turisti virtuali, servendosi di Street View, avranno l’occasione di perlustrare le stanze del museo londinese.

La navigazione è molto semplice. Funziona esattamente come Google Maps in modalità Street View, con la differenza che siete all’interno del museo.

Cosa offre il tour virtuale all’interno del British Museum?

Il tour virtuale rende possibile, inoltre, di osservare da vicino le opere grazie alle fotografie scattate in alta definizione con tecnologia Gigapixel.

Ben 4500 manufatti esposti tra cui la Stele di Rosetta, le Statue del Partenone, il Serpente a due teste,  una statua dell’isola di Pasqua e centinaia di mummie egizie. 

Per un’esperienza unica non perdete Museum of the World

L’opzione “Museum of the World” è interessante e consente, al turista virtuale, di fare un’esperienza completa ed intelligente. La visualizzazione di opere e manufatti avviene seguendo l’ordine ordine cronologico. Insomma, di certo non si corre il rischio di perdersi qualche passaggio e connessione storica.

Aperto il link che vi abbiamo inserito basta cliccare sullo schermo e scegliere poi uno dei continenti. I pallini colorati indicano i manufatti in ordine temporale. Di fianco sono presenti sezioni da scegliere per argomento.

Un museo per gli appassionati di cultura egizia

Interessante è la numerosa collezione che porta alla luce i tesori prezioni risalenti alla cultura egizia. Ma non solo, il museo pullula di manufatti e opere provenienti da ogni parte del mondo che raccontano la storia di società e culture antiche.

Tra i vari manufatti possiamo trovare la coppa di Sant’Agnese meglio conosciuta come Royal Gold Cup. Realizzata completamente in oro massiccio e decorata con smalti preziosi, rappresenta uno dei “gioielli reali” più spettacolari del Medioevo. Il tema raffigurato sulla coppa narra della vita di Sant’Agnese.

Il manufatto si caratterizza come uno degli esempi meglio riusciti e conservati di basse-taille. Si tratta di una tecnica artigianale particolarmente laboriosa. Il disegno veniva inciso sul mettalo con la tecnica del basso rilievo. Ogni sua singola parte veniva rivestita con uno smalto colorato traslucido, fissato poi sul substrato attraverso fasi di cottura successive.

Angela Patalano

Se non volete perdervi altre visite virtuali vi consiglio l’ultima recensione dei tour virtuali fatta dalla nostra Cristiana

Visita Virtuale della Galleria degli Uffizi di Firenze: la recensione

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui