All you need is… “LOVE”. Il nuovo libro sui Beatles

beatles canzoni e album

[dt_quote type=”pullquote” layout=”right” font_size=”big” animation=”none” size=”1″]All my loving I will send to you, all my loving darling I’ll be true…[/dt_quote]

Parole scanzonate. Semplici come l’amore che i Beatles hanno saputo raccontare a suon di rock.

Musiche facilmente riconoscibili e ritornelli che tutti almeno una volta abbiamo ascoltato e canticchiato nella vita. Non serve essere fan sfegatati per ricordare quel All you need is love, così immediato e diretto.

È proprio il caso di dire che per riassaporare il gusto di questi brani immortali, ma soprattutto scoprirne i retroscena, all you need is LOVE. E per LOVE si intende il nuovo libro edito da GrausEditore.

Qual era quindi la magia dei Beatles, l’incanto che ancora oggi ci fa venire i brividi al volante quando inseriamo One nello stereo o quando ascoltiamo il vinile di Abbey Road la sera, a casa, immergendoci in atmosfere d’altri tempi?

Ce la racconta Michelangelo Iossa, uno dei maggiori esperti in fatto di Beatles, con il suo libro LOVE – Le canzoni d’Amore dei Beatles, un saggio critico che passa al crivello i testi di tutte le canzoni d’amore dei Fab Four.

[dt_quote type=”pullquote” layout=”right” font_size=”big” animation=”none” size=”1″]If I fell in love with you would you promise to be true and help me understand…[/dt_quote]

Un libro assolutamente immancabile nella casa di qualunque fan del quartetto di Liverpool: l’autore racconta la genesi di tutte le canzoni d’amore più celebri dei Beatles suddividendo il testo in sei capitoli a seconda della tematica.

Innamoramento, coppia, famiglia, amicizia, memoria e amore universale. Tutti i valori che con parole semplici, ma decisamente efficaci, il gruppo ha veicolato nell’immaginario comune diventando un punto di riferimento in fatto di espressione delle emozioni.

“Quella dei Beatles è un’autentica storia d’amore col mondo intero” scrive Michelangelo Iossa nell’introduzione, ricordando ancora una volta quanto i Beatles siano ancora ascoltati, scaricati e guardati. Per confermare le sue parole basti ricordare il recente docufilm di John Lennon che la Nexo Digital ha riportato nelle sale cinematografiche e la raccolta di tutti i CD musicali attualmente in uscita ogni martedì con La Repubblica e TV Sorrisi e Canzoni.

[dt_quote type=”pullquote” layout=”right” font_size=”big” animation=”none” size=”1″]Something in the way she moves attracts me like no other lover…[/dt_quote]

Insomma, love is all we need. Non è un messaggio complesso, eppure a volte ci sfugge dalle mani, è come un pensiero che non riusciamo ad afferrare. A questo gruppo il merito di averlo impresso nella storia con delle musiche orecchiabili, indimenticabili, assolutamente inimitabili. A Michelangelo Iossa il merito, invece, di ricordarcelo con uno scritto che è la vera e propria esegesi (testi, traduzioni e commenti) della produzione discografica inglese dei Beatles che va dal 1962 al 1970, anni in cui la band ebbe la possibilità di sprigionare al massimo il proprio potenziale creativo grazie a un coinvolgimento diretto.

Alessia Pizzi

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui