Jane the Virgin 4×08: Jafael or not Jafael? Parte 1

Il 13 Ottobre 2014, il canale americano The CW mandò in onda la prima puntata.

Raramente bastano pochi minuti affinché una serie possa catturare la mia attenzione, “Jane the Virgin”  è stata l’eccezione alla regola. Da allora non ho mai smesso di guardarla.

Dalla prima puntata sono ormai trascorsi tre anni, e si sà, mantenere uno standard qualitativo alto per quattro stagioni consecutive è una bella sfida. Per questa ragione ho temuto che fosse arrivato il momento di dover dire addio a Jane e a tutta la gang, ma per fortuna, dopo un inizio burrascoso, noioso, scontato, finalmente ci siamo: Jane è ritornata in quota, ha ingranato la marcia.

Le nuove direzioni artistiche hanno saputo mettere sul piccolo schermo storyline leggere ed intriganti che coinvolgono gli spettatori, non solo da un punto di vista emozionale ma, anche e soprattutto, psicologico, esaltando quelli che sono i cliché di una soap opera venezuelana, fondendoli con il genio creativo degli sceneggiatori hollywoodiani.

Questo mashup ha saputo dare agli ultimi tre episodi quel giusto tono accattivante, sensuale e misterioso che fa esclamare “OMG!!!”, soprattutto se ci si sofferma sulla storyline di Rafael Solano. Quest’uomo dovrebbe  dovrebbe essere dannatamente proibito.

 

Ok ladies, occhi a me. Di questa scena ne parliamo poi, quindi, andiamo con ordine.  Per farmi perdonare faccio una brevissima ricapitolazione:

-Jane decide di mettersi in gioco con Adam che poi la lascia per andare a LA  confermando la mia teoria di Adam tappa buchi;

-Alba si innamora ma davanti alla proposta di matrimonio scappa;

-Rogelio è diventato papà di una bellissima bambina, Baby avuta da Darcy che attualmente è impegnata sentimentalmente con l’antagonista di mr De La vega, Esteban.

– Rafael vive in casa Villanueva e sbam finalmente bacia Jane

– Aneska muore di nuovo, questa volta per davvero.

And, here we go…

4×08 kiss, lies and therapy

 

First of all, Rosario Dowson as The Lawyer

Petra, Petra, Petra in ogni stagione ci deve essere una pecora nera e poverina questo infausto ruolo è toccato all’ex signora Solano. Per quanto si sforzi di trovare il suo porto sicuro non trova pace. Dopo la morte, questa volta reale, della sorella psicopatica ed emotivamente instabile, Anezka,  viene accusata di omicidio, ed indovinate un pò chi è l’avvocato? Rosario Dowson. Per un attimo ho  pensato che si trattasse di uno dei mille travestimenti di Rose. E voi? In ogni caso, questa donna nasconde qualcosa o qualcuno…

Date un Kleenex a Rogelio

Jane The Virgin — “Chapter Seventy-Two” — — Pictured (L-R): Jaime Camil as Rogelio and Andrea Navedo as Xo — Photo: Michael Desmond/The CW — © 2017 The CW Network, LLC All Rights Reserved.

 

Finalmente  Xo e Rogelio vanno in terapia, ma il risultato non è quello sperato.  Rogelio ne esce angosciato ed emotivamente provato, una situazione da cui  Xo tenta invano di scappare. Beh che dire, sicuramente tra i due lui è quello più fragile, d’altronde Rogelio ci piace perchè non è un super uomo e non teme di mostrare la sua fragilità davanti ad una donna.

Anche se rispetto a qualche stagione fa, la loro storyline è stata sostituita da una maggiore attenzione alla vita e all’evoluzione del personaggio interpretato da Jaime Camil (Rogelio de la Vega), ho apprezzato molto, quella, seppur breve, attenzione rivolta a Xo. La quale,rassegnata ad accogliere il peso della crisi del marito, riesce a lasciarsi andare riscoprendo i suoi scheletri e le sue ferite che si portava da anni. E cosi, come in ogni cosa, questa serie, nella sua leggerezza e apparente frivolezza, si riscopre un prodotto televisivo scritto da chi sa far emergere l’essenziale della vita e delle cose.

Matelio e le bugie

Dopo aver deciso di mandare Matelio in una scuola che fa capo ad un altro quartiere, Jane e Rafael convincono il bambino a mentire. I sensi di colpa non tardano ad arrivare e con essi tanti situazioni esilaranti. Amo quando questo bambino e i suoi genitori fanno squadra. Tuttavia, le cose non vanno come speravano e si ritrovano loro stessi ad imparare dai propri errori. Ma se tutto è bene quel che finisce bene, anche per il piccolo Matelio c’è una piccola lezione di vita.

Jane: allora Mateo, avevi ragione, ti abbiamo chiesto di mentire.
Mateo: Ma come? Credevo che mentire fosse sbagliato!
Jane: Lo è la maggior parte delle volte, ma altre volte facciamo una scelta e confrontiamo quello che ci costa quello che ci costa la bugia e quello che ci fa guadagnare.

Rafael Solano: quel mix perfetto tra romanticismo e sensualità

Gli ultimi tre episodi hanno un denominatore comune: Rafael Solano. Un uomo decisamente problematico, dai mille scheletri nell’armadio, ben lontano dall’avere una vita equilibrata. Nonostante il suo essere sentimentalmente instabile sembra abbia finalmente deciso di prendere una direzione. Non so questo quanto durerà visti i precedenti, e sono certa che all’orizzonte ci sono drammi che metteranno in crisi il rapporto, ma per ora godiamoceli cosi come sono.

Rafael: ecco perchè mi trasferisco […]
Jane: Non devi andartene.
Rafael: Devo farlo. Perchè se devo essere sincero, vivo qui anche perchè ci sei tu. Mi hai chiesto di lasciarmi la cosa alle spalle ed ho detto si. E ci riuscirò!!! Ma sarà difficile perchè significa lasciare andare una cosa importante: la possibilità di qualcosa tra noi che è rimasta in me nascosta per molto tempo e non credo di poter riuscire a voltare pagina vivendo con te. 

Non so voi, ma Rafael nella versione romantic mood è meravigliosa. Che dire, Jane sa davvero far emergere il lato migliore di quest’uomo.

E della scena finale?

“And, friends, what can I say? It felt like a telenovela”

 

Sapevamo che questo momento sarebbe arrivato!  Anche se gli sceneggiatori hanno lavorato molto sull’effetto finale, passando da  “Rafael nu me te filo manco de striscio” a una Jane che sembra una sedicenne in preda ad una crisi ormonale, non ho apprezzato molto la loro evoluzione. Durerà questa volta? Ho i miei dubbi.

Angela Patalano

 

 

 

Sulla carta sono laureata in Giurisprudenza ma la mia passione più grande è il Cinema e il mondo dell'entertainment in generale. Essenzialmente curiosa ed empatica. Goffa quasi alla Bridget Jones e tanto Geek.

COMMENTA QUESTA DOSE DI CULTURA

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui