Al via la nona edizione di “8 poetesse per l’8 marzo”

Anche quest’anno torna l’attesissimo evento letterario “8 poetesse per l’8 marzo”: protagoniste indiscusse Marcia Theophilo, candidata al Nobel, e Heléna Velena, opinionista cult degli anni Ottanta.

Questa nona edizione sarà ospitata domenica 6 marzo in una location d’eccezione, il Palazzo Sforza-Cesarini di Genzano. La nona edizione, a cura di Ugo Magnanti con la collaborazione di Dona Amati, ripropone, in prossimità della Giornata della Donna 2016, il tradizionale reading poetico al femminile di alcune fra le più interessanti autrici italiane, e non solo. La manifestazione, nata come contributo letterario alla valorizzazione della cultura di genere e delle pari opportunità, e come auspicio per una rinnovata accoglienza fra tutti i sessi possibili, è realizzata da Fusibilia Associazione e promossa dall’Assessorato al Tempo libero del Comune di Genzano.
Il reading delle 8 poetesse si svolgerà alle ore 18.00, presso la Sala delle Armi e avrà come protagoniste Marcia Theophilo, Zingonia Zingone, Rossella Tempesta, Dalila Hiaoui, Pilar Castel, Sara Davidovics, Myra Jara Toledo, Heléna Velena. Interverranno Carlo Bordini, poeta, Maria Borgese con l’azione coreografica “Inside”, coordinerà Laura De Angelis. Sarà presente Patrizia Mancini, assessora al Tempo libero della Città di Genzano. L’evento sarà preceduto da una visita-affaccio sul lago di Nemi, dalla terrazza del Palazzo Sforza-Cesarini, con breve lettura testo “Cesare Pavese e il lago di Diana”, a cura di Ugo Magnanti. Radio Omega Sound, radio ufficiale della manifestazione, trasmetterà l’evento in differita sulle frequenze 91.4Mhz – 102.2 Mhz e su www.radioomega.it
LE POETESSE DI MARZO 2016:
Marcia Theophilo, poetessa ed antropologa brasiliana, vive tra Roma e il Brasile, e rappresenta l’Unione Brasiliana Scrittori in Italia. Attiva nella difesa della foresta amazzonica, ha incentrato la sua poetica sulla natura, sui popoli indigeni e sui miti dell’Amazzonia, sulla denuncia dello scempio che si compie ai suoi danni e sull’impegno per la sua salvaguardia. Numerose le sue pubblicazioni e i riconoscimenti a livello internazionale. Già candidata al premio Nobel per la Letteratura, è testimonial dell’iniziativa “Per una Cultura della Biodiversità”, promossa dalla Commissione Italiana UNESCO per la campagna di educazione allo sviluppo sostenibile (DESS).
 
Zingonia Zingone, poeta, scrittrice e traduttrice. Cresciuta tra Italia e Costa Rica, è laureata in Economia. Le sue raccolte poetiche, e le sue poesie, presenti sulle maggiori riviste letterarie, sono tradotte in diverse lingue. Curatrice e traduttrice dall’inglese e dallo spagnolo, dal 2014 cura sulla rivista digitale “Minerva” la rubrica di poesia internazionale “Il grido e il sussurro”. È membro del comitato organizzatore del festival internazionale di poesia “Kritya” (India).
 
Dalila Hiaoui, poetessa e scrittrice, è nata a Marrakech, in Marocco, e vive a Roma, dove lavora come docente di lingua e cultura araba, presso le agenzie delle Nazioni Unite, il Centro Islamico Culturale d’Italia e l’Università Internazionale UniNettuno. Ha pubblicato diversi libri di poesia e narrativa, e collabora come opinionista con varie riviste e giornali arabi. Dal 2013 organizza il salotto letterario bilingue “J’nan Argana” (“Paradiso di Argan”).
 
Pilar Castel, poeta, perfomer, attrice, drammaturga, è italo svedese nata in Colombia, e vive sul lago di Bracciano. È da sempre impegnata sui temi della pace, della donna, del sociale e dell’ambiente. I suoi lavori teatrali sono pubblicati da Laterza. Come autrice ha vinto numerosi premi sia per la narrativa che per il teatro, come attrice cinematografica ha lavorato con i maggiori attori e registi, e ha rappresentato l’Italia al Festival di Cannes nel 1968.
Sara Davidovics, poeta, performer e artista intermediale, è nata a Roma dove vive. È autrice di scritture lineari, fonetiche, e visuali, video-poesie, partiture per voce, libri-oggetto, poesie concrete, happening, installazioni diffuse. Vari i testi presenti in riviste e antologie, tra cui il volume “Italian Performance Art, percorsi e protagonisti dell’action art italiana”. Tra i volumi pubblicati, “D’acque”, opera finalista al Premio Antonio Delfini. Ha partecipato a numerosi festival ed esposizioni nazionali e internazionali.
 
Myra Jara Toledo, poetessa, è nata a Lima, e vive a Roma. Ha studiato letteratura in America Latina, in Germania e in Italia. Nel 2015 è uscita in Perù, per l’editore Lustra, la sua prima raccolta di poesie: “La destruccion es blanca”. Sue poesie sono state pubblicate su riviste di poesia in Messico, Argentina, Perù, Italia e Finlandia. È inoltre presente in “Mirando sobre el heno. Mostra de poesia peruviana reciente”, a cura di Mario Pera, Vallejo & Co, 2014. Nel 2012 e nel 2013 ha collaborato con il festival internazionale di poesia di Lima.
Helèna Velena, scrittrice, performer, teorica delle controculture, cantante e urlatrice di free jazz, electronic pop e poesia sonora, e di improvvisazioni poetiche, già produttore discografico dei maggiori gruppi della scena punk ed hardcore punk italiana, tra cui i CCCP – Fedeli alla linea, e figura di spicco della scena cyberpunk e transgender italiana. Tra i saggi pubblicati “Dal Cybersex al Transgrender”, Castelvecchi; “Culture contro”, Malatempora. Collabora con numerose riviste, e tiene conferenze.
Coordina Laura De Angelis, scrittrice e promotrice culturale, è dirigente scolastico di una scuola di Latina. Ha pubblicato “Voci. Ballata di assoli”, Edizioni Associate; “Rondini”, Nulla Die. Suoi racconti sono stati inseriti nelle raccolte: “Ti volevo dire”, Leone Editore; “Dritto al cuore”, Galaad Edizioni.
Interviene Carlo Bordini, scrittore e poeta, fra i maggiori in Italia. Ha pubblicato vari libri di poesia, tradotti in spagnolo, svedese e francese. Ha insegnato storia moderna presso il dipartimento di studi storici dell’università di Roma “La Sapienza”. Collabora con “L’Unità”, con la rivista “Poesia”, e con altre testate giornalistiche. Nel 2010 l’editore Luca Sossella ha pubblicato una raccolta completa della sua opera poetica “I costruttori di vulcani”, tutte le poesie 1975-2010.
Danzerà Maria Borgese, danzatrice, coreografa e attrice. La sua ricerca approda alla commistione di movimento, gesto, parola e immagine che si fondono e si confondono in un interscambio profondo, dinamico, e dai toni sempre fortemente emotivi. Diversi i lavori e le coreografie di questa ricerca, alcune anche in collaborazione col poeta Antonio Veneziani.
Organizzazione di Ugo Magnanti e Dona Amati per Fusibilia in collaborazione con l’Assessorato per il tempo libero dela Città di Genzano, nella persona dell’assessora Patrizia Mancini.

Laurea in Filologia Classica con specializzazione in studi di genere a Oxford, Giornalista Pubblicista, Consulente di Digital Marketing, ma soprattutto fondatrice di CulturaMente: sito nato per passione condivisa con una squadra meravigliosa che cresce (e mi fa crescere) ogni giorno!

COMMENTA QUESTA DOSE DI CULTURA

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui