Villa Ada incontra il mondo multiculturale di Goran Bregovic

goran bregovic

Villa Ada incontra il mondo a luglio, in un format collaudato da tempo. E anche quest’anno Goran Bregovic il 24 luglio è stato ospite nella grande isola verde romana, accompagnato dalla storica formazione The Wedding and Funeral Band.

L’occasione è anche quella di presentare al pubblico di Villa Ada gran parte dell’ultimo disco, senza dimenticare i grandi successi e le indimenticabili colonne sonore che lo hanno reso celebre.

Cinque anni dopo l’album Champagne for Gypsies, torna con una nuova produzione incentrata sul tema della diversità religiosa e della coesistenza pacifica: Three Letters from Sarajevo; uscito con Universal.

Il musicista balcanico è ormai nella zona consacrata ai grandi miti della musica contemporanea; continua tuttavia ad esercitare il suo fascino anche alla soglia dei settanta anni e di una vita all’insegna della sperimentazione e del nomadismo musicale.

Nato a Sarajevo da madre serba e padre croato, Goran Bregovic crea i suoi primi gruppi rock a sedici anni. “Il rock aveva all’epoca un ruolo fondamentale nella nostra vita. Era l’unica possibilità per poter esprimere pubblicamente il nostro malcontento senza rischiare di finire in galera, o quasi”.

Per far piacere ai suoi genitori, Goran si impegna a proseguire i suoi studi di filosofia e sociologia se l’enorme successo del suo primo disco non avesse deciso altrimenti. Seguono quindici anni con il suo gruppo White Button e tredici album venduti in 6 milioni di copie.

Tour interminabili in cui Goran diventerà l’idolo della gioventù jugoslava. Alla fine degli anni 80, Bregovic si libera del suo ruolo sfibrante di “star” e si isola in un “ritiro dorato” in una piccola casa sulla costa adriatica. Qui compone le musiche del terzo film di Emir Kusturica Il Tempo dei Gitani.

bregovic musicistaMa ben presto i primi disordini scoppiano in Yugoslavia e i due amici sono costretti ad abbandonare tutto e trasferirsi a Parigi. Alla sua origine già mista, Goran ha aggiunto una moglie musulmana.

Tutto questo è necessario per comprendere fino in fondo la filosofia artistica di Bregovic che appare tra i suoi musicisti vestito di bianco da sempre, il non-colore capace di assorbire e trattenere ogni sfumatura di colore presente nel mondo.

Unico, selvaggio e raffinato si lascia rapire da ogni tipo di contaminazione che arriva dal cinema di Kusturica, dal teatro, dalla tradizione.

A Villa Ada la sua orchestra si è esibita in formazione ridotta, per motivi ovviamente logistici ma il pubblico fedele sembra non accorgersene, travolto dal ritmo indiavolato e del suo rapporto empatico con i fan che invita a cantare con una perfetta padronanza dell’italiano.

Ho notato l’assenza del direttore-percussionista, Ognjen Radivojevic e di Alen Ademovic rimpiazzati da un nuovo artista. Quelle che non potrebbero mai essere sostituite sono le voci bulgare, presenti nei loro costumi coloratissimi.

Il rituale è quello solito, i pezzi nuovi sono stati composti con la collaborazione di musicisti come Bebe, Riff Cohen, Rachid Taha, Asaf Avidan. Un Bregovic en passant che infiamma i cuori dei suoi fedelissimi, in un contesto anche troppo intimista per la portata del suo sound.

Antonella Rizzo

bregovic musicista

Antonella Rizzo

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui