“Colours Colliding”: il nuovo singolo di William Orbit per ripartire dalla musica

Colours Colliding William Orbit recensione

Dopo anni bui, William Orbit torna con il nuovo singolo “Colours Colliding” che anticipa l’album “The Painter” in uscita il 25 agosto 2022

Esistono canzoni che hanno fatto la storia della Musica: spesso le si collega all’artista o a un’epoca, molto più raramente al loro produttore. Eppure quanto sarebbero state diverse “Billie Jean” di Michael Jackson senza Quincy Jones, “Young And Beautiful” di Lana Del Rey senza Rick Nowels, “Let’s Dance” di David Bowie senza Nile Rodgers. Lo stesso può dirsi per William Orbit: celeberrimo per il suo lavoro su “Ray Of Light” di Madonna, chi ha buon orecchio sa benissimo che per un paio d’anni moltissimi artisti tentarono di ricreare quella magia vestendo i propri brani dell’inconfondibile tocco dell’alchimista londinese. Solo lui pareva capace di mescolare ispirazioni classiche a ritmi tribali, omaggi psichedelici e elettronica d’avanguardia. Basti citare “Tender” dei Blur, “Pure Shores” delle All Saints, “Feel Good Time” di P!nk, senza bisogno di elencare i remix da lui firmati e l’infinito numero di emuli che in quel periodo cercarono di ricrearne la pozione senza riuscirci.

Un’attesa durata otto anni

Nonostante tutto questo successo, gli innumerevoli riconoscimenti e un innegabile talento musicale, Orbit non ha mai capitalizzato tutto questo riscontro mediatico proiettandolo sulla sua pur rimarcabile carriera di solo artista. Qualche collaborazione qui, un EP lì ma son passati otto anni da quando William Orbit non annunciava un nuovo album: l’attesa è finita grazie al nuovo singolo recentemente pubblicato, dal titolo “Colours Colliding” che anticipa un attesissimo lavoro la cui release è prevista per il 25 agosto 2022 e il cui titolo sarà “The Painter”.

Dopo anni bui, colori che si scontrano per anticipare “The Painter”

Al primo ascolto c’è tutto quello che un fan di William Orbit si aspetta e, in fondo, desidera: tintinnii impregnati d’onirico, arrangiamenti siderali, una voce capace di fraseggi insieme antichi e contemporanei – stavolta tocca a Polly Scattergood – e la sensazione che tutto possa ancora succedere. Ed è un bene, perché in alcune recenti interviste il musicista inglese ha raccontato di come gli ultimi anni siano stati particolarmente duri: colpa di eccessi legati al consumo di stupefacenti, fino al punto di essere preda di veri e propri episodi psicotici. Ma adesso dice di essere finalmente cresciuto, di aver terminato l’adolescenza a 65 anni e di provare un desiderio disperato di far ascoltare la sua nuova musica. Qui, aspettando “The Painter”, siamo tutti orecchie.

Cristian Pandolfino

Le immagini contenute in questa recensione sono riprodotte in osservanza dell’articolo 70, comma 1, Legge 22 aprile 1941 n. 633 sulla Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio. Si tratta, infatti, di «riassunto, […] citazione o […] riproduzione di brani o di parti di opera […]» utilizzati «per uso di critica o di discussione», nonché per mere finalità illustrative e per fini non commerciali. La presenza in CulturaMente non costituisce «concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera».

Cristian Pandolfino
Nato a Messina, si laurea con lode in Filosofia e decide di trasferirsi a Roma per frequentare un master in scrittura creativa e pubblicitaria presso l’Istituto Europeo di Design. Copywriter da più di un decennio, ha lavorato per numerosi clienti nazionali e internazionali senza mai perdere di vista le sue autentiche passioni: le religioni, la mitologia classica, il cinema, il teatro, la musica, l’arte, la fotografia, la letteratura e, ovviamente, la scrittura. Cura un suo blog - Il Neomedio - e collabora con varie realtà on-line.

COMMENTA QUESTA DOSE DI CULTURA

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui