La letteratura ai tempi di facebook. Parte 1

ritratti di poesia 2018

I 5 vantaggi dell’esistenza di gruppi dedicati ai libri

Agorà di voci, idee e volti, facebook è anche luogo virtuale di incontro, confronto e dissertazione fra appassionati di letteratura: lettori e scrittori.

In realtà non si tratta, o meglio non si dovrebbe trattare, di due categorie distinte, ma di un macroinsieme, quello dei primi, che contiene esponenti della seconda categoria.

Ci si augura, dunque, che chi scrive legga e molto; se tale concomitanza di azioni e ruoli non si verifica, il testo proposto ne risente in qualità.

Sono presenti, dunque, numerosi gruppi e pagine dedicati ai libri che includono l’universo di parole e immagini che gravita attorno ad essi:

dai consigli fra appassionati alle recensioni critiche, dalle domande a tema ai post polemici, dallo spam ai giveaway, dalle letture condivise alle segnalazioni di eventi e presentazioni in luoghi fisici.

Quali dinamiche si instaurano in tali cenacoli culturali virtuali?

facebook

E, soprattutto, siamo in presenza di cenacoli culturali in cui si accolgono anche prodotti di nicchia o di arene in cui ha visibilità chi più e meglio comprende e usa le leggi di mercato e di comunicazione rispondenti alle esigenze di un pubblico di massa?

Non c’è una risposta univoca, essendo facebook lo specchio a volte deformante a volte ingrandente della nostra società e, dunque, di noi tutti, anche di quanti si ritengono estranei ai social ma intrattengono rapporti personali e professionali con quanti ne sono fruitori.

In questo articolo, che apre un ciclo di riflessioni in tema, mi soffermerò sui vantaggi che la piattaforma virtuale apporta alla diffusione della letteratura.

1. I gruppi di lettura coinvolgono persone che altrimenti non avrebbero modo di incontrarsi e comunicare, creando enormi possibilità di confronto intellettuale.

2. La passione è contagiosa, si sa. Attraverso una diffusione capillare di stimoli, anche i più restii alla lettura, giovani compresi, vengono sedotti dal piacere che da essa si trae.

3. Facebook consente di conoscere anche libri editi da piccole casi editrici o autopubblicati che, altrimenti, non godendo delle possibilità economiche di pubblicità dei colossi, sarebbero condannati a circolare fra un numero ristretto di lettori.

4. La possibilità democratica di avere voce ed esprimere un parere personale porta a comprendere in tempo reale le reazioni che suscita un libro.

5. Scrittori e lettori possono avere un dialogo costruttivo e dinamico che, privando i primi di “sacralità” e attribuendo ai secondi un ruolo attivo assai tangibile, crea le premesse per uno scambio interattivo immediato.

facebook

Solo vantaggi, dunque? No, purtroppo. Facebook è un prodotto umano, soggetto alle imperfezioni della contingenza.

Per i 5 svantaggi della diffusione di gruppi e pagine inerenti alla lettura sui social, dovrete attendere il mio prossimo intervento, ma sono certa che avete già una precisa idea in merito.

Emma Fenu

Articolo PrecedenteI Racconti di Saki: tra l’ironico e il grottesco
Prossimo Articolo1997 – 2017 Gli Otto Ohm festeggiano vent’anni di musica a villa Ada
Emma Fenu, nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vive, felicemente, a Copenhagen, dopo aver trascorso un periodo in Medio Oriente. Ogni 5 anni, per esigenze lavorative, cambia nazione o continente. Laureata in Lettere e Filosofia, ha, in seguito, conseguito un Dottorato in Storia delle Arti. Scrive per lavoro e per passione. Da anni si occupa di Storia delle donne e di Letteratura di genere; recensisce libri; ha fondato ed è presidente di un sito, “Cultura al Femminile”, e del rispettivo gruppo facebook, “Letteratura al femminile”; collabora con vari siti e magazine; insegna lingua italiana agli stranieri; è tutor di scrittura creativa; organizza o prende parte a eventi letterari. Ha pubblicato un saggio, “Mito e devozione nella figura di Maria Maddalena fra Medioevo e Rinascimento”; un romanzo inchiesta sul lato oscuro della maternità, “Vite di Madri. Storie di ordinaria anormalità”; una saga familiare al femminile ambientata in una Sardegna intrisa di mistero e memoria, “Le dee del miele”; una fiaba per bambini contro i pregiudizi sessisti, “Il segreto delle principesse”; una silloge di poesie e racconti, “Sangue e Miele”. Ha collaborato a varie antologie, sia come giurata che come concorrente.

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui