Le minime di Malinconico: un libro di massime per riflettere

Le minime di Malinconico recensione

Noi, lettori affezionati, e Vincenzo Malinconico, personaggio dei romanzi di Diego De Silva, ci eravamo lasciati con I valori che contano (avrei preferito non scoprirli), un libro in cui l’avvocato di insuccesso più famoso d’Italia ci ha donato delle riflessioni molto profonde sulla vita.

Per chi non ne avesse abbastanza di consigli non richiesti in libreria è disponibile un libro intitolato Le minime di Malinconico che raccoglie le massime del nostro sugli argomenti più disparati: dai più filosofici come la vita, l’amore e i sentimenti, le relazioni a quelli meno seri come il modo di guidare dei tassisti e la sigla del tg del mattino di Canale 5.

Vi riporto alcune minime di Malinconico per farvi entrare nel mood e assaporare la filosofia dell’avvocato con cui è abbondantemente condito il libro.

Se questo è il prezzo della vita ne faccio tranquillamente a meno. Preferisco una vita insensata che ti regali qualche bella giornata (e soprattutto qualche bella notte) e non si faccia tirare per i capelli quando finisce. Con la vita meglio avere una storia disimpegnata che starci insieme con la paranoia di perderla.

Nella vita vera non posso cancellare, tornare indietro, ripensare a quello che ho detto, correggerlo. Allora scrivo, per prendermi la rivincita sulle parole. Per raccontare come sarebbe andata se avessi scelto quelle giuste.

La vita (lo capisci proprio quando aspetti qualcosa o qualcuno fa tardi) è fatta soprattutto di patteggiamenti. Di situazioni in cui – questa è la rivelazione che spiazza – ti scopri capace di una comprensione al ribasso che normalmente non ti spieghi, quando la riconosci per gli altri.

È impossibile non affezionarsi a Malinconico e al suo modo di rimuginare sugli eventi accaduti, sulle proprie emozioni e sui comportamenti degli esseri umani.
Da un lato empatizziamo con lui, le sue insicurezze e la sua generalizzata incapacità; dall’altro la sua inefficienza ci rassicura e ci fa sentire meno soli in un mondo in cui tutti aspiriamo alla perfezione.
Malinconico si sente un fallito da un punto di vista professionale; ha un matrimonio finito alle spalle; è un padre con pregi e difetti. Chi di noi non si è sentito almeno una volta nella vita come lui?
Le minime di Malinconico è un libro piacevole e divertente, ma allo stesso tempo saggio e filosofico.

Valeria de Bari





IL VOTO DEL PUSHER
Scorrevolezza
Personaggio
Stile
Sceneggiatrice, chitarrista, poetessa, pittrice: quello che sogno di diventare da grande. Ops ... sono già grande. Amo la musica (soprattutto il punk, il rock e le loro derivazioni), le immagini-movimento e l'arte del racconto (o come si dice oggi lo "story telling"). La mia vocazione è la curiosità. That's all folks

COMMENTA QUESTA DOSE DI CULTURA

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui