I Vignaioli Artigianali Naturali V.A.N. fanno il pieno a Roma

vino naturale

La Città dell’Altra Economia a Testaccio è stata per un week end la capitale della viticultura naturale, un movimento che ingrossa sempre più le fila dei suoi appassionati.

Malgrado il meteo del fine settimana non sia stato benevolo, le sale della Città dell’Altra Economia si sono riempite oltre modo di eno-appassionati, che sempre in misura maggiore seguono il mondo dei vini naturali. Una viticultura nata come movimento di nicchia, che ha fatto il suo percorso nel bene e nel male.

Il viaggio verso la credibilità.

Si è passati per gli atteggiamenti talebani da parte di molti produttori e amanti del genere. Una difesa estrema che in nome del “Naturale”, ha giustificato troppe volte e per diversi motivi vini spesso imbevibili. Tenuti al riparo dietro l’etichetta di bio o biodinamici. Ma anche come accade a volte, per una tendenza cavalcata da tutti quelli che il vino lo usano per darsi un tono di esclusività.

vino naturale

A questo bisogna aggiungere la diffidenza dei produttori “tradizionali”, che  hanno spesso vissuto l’avanzata di questa viticultura come una minaccia. Oggi il Mondo dei vini naturali superata questa fase iniziale, è una realtà ben delineata che non si presta più ad equivoci, ricoprendo una sua posizione ben precisa nel panorama produttivo italiano.

L’identità è premiata dai numeri in continua crescita.

Il riscontro arriva anche dai numeri che indicano la crescita percentuale di questi prodotti, lasciando intravedere per loro un futuro roseo. Considerarli prodotti d’élite è sbagliato, ma sicuramente non si rivolgono a chi raccatta una bottiglia a caso al supermercato. Sta infatti proprio nell’identità e nella particolarità il cuore della viticultura naturale.

vino naturale

Quella dei V.A.N. vignaioli artigianali naturali è solo una delle iniziative nate per promuovere questa viticultura, con lo scopo di comunicarne correttamente i contenuti. La partecipazione riguarda vignaioli provenienti da tutto il paese che condividono principi e regole comuni. Nei loro vini la creatività rispetta la cultura del territorio, il mondo contadino e le sue differenti modalità radicate nella storia.

vino naturale

Una ricchezza che si traduce sempre in vini unici e di grande personalità, in grado di restituire nel bicchiere annata e terroir senza aggiustamenti di sorta. Al centro della loro viticultura c’è la fermentazione spontanea, il rispetto della terra e lo sviluppo salutare della vite, ottenuto attraverso la rinuncia all’utilizzo dei prodotti chimici secondo i protocolli dell’agricoltura biologica e biodinamica.

vino naturale

Il loro profilo organolettico difficilmente aderisce a quello delle doc dei loro territori di provenienza, ma questo scongiura la standardizzazione ed è forse il loro pregio maggiore. All’evento romano erano rappresentate quasi tutte le regioni italiane. Una moltitudine di storie diverse, raccontate direttamente da chi ha deciso di produrre vino in equilibrio con l’ambiente che vive.

Il Lazio dei vini naturali si è comportato bene.

Un magnifico quadro d’insieme dell’ambiente contadino e del mondo agricolo italiano. Non da poco la possibilità di acquistare i vini direttamente da loro, scoprendo che il costo di qualità e unicità non è poi così strabiliante. Il Lazio giocava in casa è da perfetto padrone di casa non ha sfigurato nella sua proposta.

vino naturale

I bianchi di Cantina Ribelà, i Cesanese di Riccardi Reale, la malvasia puntinata di Marco Colicchio, il canaiolo de Il Vinco, i rossi di Podere Orto e i vini di Maria Ernesta Berucci sono stati tutti all’altezza, annullando questa volta, il divario che la viticultura regionale paga spesso verso altre zone d’Italia.

vino naturale

L’escursione nelle sale ha permesso la conoscenza tra gli altri, del Bianchello Ribelle e degli altri vini dell’Azienda Marchigiana Ca’ Sciampagne  e del Cannonau di Francesco Cadinu, esempio di come l’alcol si possa integrare perfettamente in un vino di grande struttura.

vino naturale

Piacevoli incontri quelli con il grechetto di Elena Vezzoli, la Tintilia di Vinica, l’aglianico di Casa di Baal . I vini degli appassionati viticultori toscani della giovane realtà Fattoria San Vito e quelli del Monferrato di Cascina Grillo. Grande sorpresa hanno destato i vini Calabresi di Lucà a base di mantonico e nerello calabrese.

vino naturale

Purtroppo la necessità di selezionare gli assaggi ha fatto si di escludere tante vecchie conoscenze, sacrificate solamente per dar spazio ai nuovi assaggi. Impossibile però tralasciare lo strepitoso ‘Nzemmula di Bruno Ferrara Sardo a base di nerello mascalese e, l’intera produzione di Daniele Saccoletto viticultore del Monferrato. Vini, quelli di questi ultimi due produttori, che da soli rappresentano la ragion d’essere dei vini naturali senza bisogno di aggiungere parola alcuna.

Bruno Fulco

Bruno Fulco
Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e diplomato presso l’Associazione Italiana Sommelier, da sempre appassionato di enogastronomia come veicolo di scambio e collegamento tra le diverse culture. Viaggiatore entusiasta specie nelle realtà asiatiche e mediorientali. La fotografia completa il bouquet delle passioni irrinunciabili con particolare attenzione al reportage. Ricerca ostinatamente il modo di fondere questi elementi in un unico elemento comunicativo.

COMMENTA QUESTA DOSE DI CULTURA

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui