“Il cappuccio d’osso della luna” al teatro Argot Studio di Roma

Il Cappuccio dosso della luna - locandina

In scena fino al 26 novembre presso il Teatro Argot Studio di Roma “Il cappuccio d’osso della luna” di Cristina Cirilli con la regia di Maurizio Panici.

Alberto è un architetto di sessantacinque anni in pensione. Le figlie, Anita la maggiore e Adelia la minore, vivono in un’altra casa rispetto a quella di residenza del padre. L’uomo un po’ per il suo lavoro, un po’ per il carattere, chiuso e anaffettivo, non è riuscito a costruire un rapporto solido con loro. Alberto è rimasto vedovo da qualche mese. Anita non se la sente di lasciarlo in balia di se stesso e lo ospita in casa sua. Adelia invece, che considera il padre responsabile della morte di sua madre, se ne va a vivere con la zia Vittoria, sorella di Alberto. La convivenza tra Alberto e Anita procede tra silenzi, discorsi abbozzati e tentativi di incontro. Vittoria e Adelia invece sono complici, vittime delle stesse mancanze. Lo scorrere del tempo è scandito dai ricordi, finché i quattro non si ritrovano insieme intorno allo stesso tavolo.


di Cristina Cirilli | regia Maurizio Panici | con Cristina Cirilli, Ermanno De Biagi, Mirella Mazzeranghi e Ludovica Apollonj Ghetti | scenografia Francesco Ghisu | costumi Anna Coluccia  | light designer Giuseppe Filipponio | aiuto regia Maria Stella Taccone

 

[dt_quote type=”blockquote” font_size=”big” animation=”none” background=”plain”]

Note di regia

“Una sfocatura, la sensazione di non stare a posto con le parole che si dicono, un senso di manchevolezza di fronte ad un ritratto di famiglia che così famiglia non è. Tutto il testo è percorso da un senso di sospensione del tempo e di inadeguatezza nelle relazioni. Un puzzle di emozioni e sentimenti che ha bisogno pazientemente di essere ricostruito. Geometrie relazionali imperfette, un tema che resta incompiuto e l’impossibilità di ogni singolo personaggio di sapersi relazionare al resto del quadro. Allo spettatore il compito di chiudere questo ritratto con una complicità emotiva che permetta ai protagonisti di pacificarsi e ricreare così un ideale luogo di convivenza”

Maurizio Panici

[/dt_quote]


Ufficio Stampa – Argot Studio
Carlo D’Acquisto | +39 3462242722
ufficiostampa@teatroargotstudio.com


Teatro Argot Studio

Via Natale Del Grande, 27 | 00153 Roma

tel. 06/5898111

Orario spettacoli:

dal martedì al sabato ore 20.30
domenica ore 17.30

Info e prenotazioni:

info@teatroargotstudio.com

www.teatroargotstudio.com

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui