“Hiroshima mon amour”: la decostruzione della memoria

hiroshima mon amour alain resnais recensione del film

Tra qualche anno io mi ricorderò di te come dell’oblio dell’amore stesso, io penserò a questa storia come all’orrore dell’oblio: lo so già

Hiroshima mon amour

Titolo originale: Hiroshima mon amour
Regia: Alain Resnais
Soggetto e sceneggiatura: Marguerite Duras
Cast principale: Emmanuelle Riva, Eiji Okada
Nazione: Francia, Giappone
Anno: 1959

Il cinema moderno di Alain Resnais

È un’indagine dolorosa quella di Alain Resnais, il manifesto di un’epoca e di un modo di fare cinema, tutto giocato sulla scomposizione del Tempo, sul personaggio-uomo e sull’uomo come pensiero, flusso oscillante di materia, affezioni, inganni. Inutile prescindere da Deleuze e dalla sua acuta – insuperabile – diagnosi ‘modernista’, capace di cogliere in Resnais l’inventore di nuove opere, riassumibili nell’immagine-tempo in opposizione al cinema classico, imperniato – come dimostra Ejzenstejn – sull’assimilazione tra ambiente e figure, in un’ottica chiara, realista: univocamente percepibile. A monte c’è Henri Bergson, il concetto di durée e, soprattutto, la sua teoria della percezione, che in Materia e memoria (1959) abrade i confini, il fondamento di ogni dualità.

L’antica scissione immagine/movimento è infatti superata nel flusso ottico-dinamico, tanto cinematografico da prestarsi alla trasposizione, secondo l’idea che non esistono «cose né coscienze ma soltanto immagini viventi che agiscono e reagiscono le une sulle altre»[1]. È un dato fondamentale, attestante il piano d’immanenza in cui tutto si sovrappone, interagisce, si (auto)alimenta. Non più dunque una realtà ‘fotografata’, riprodotta, bensì un insieme di stimoli, flash, immagini legate a «situazioni ottiche e sonore ‘pure’»[2], in cui le coordinate spazio-temporali si sgretolano, e il vero è puntellato di lacune, di oscillazioni più o meno rapsodiche.

Immagine e tempo in Hiroshima mon amour

Siffatto orizzonte non può che fornire una chiave epistemologica, laddove il reale diffratto è porta d’accesso a una comprensione totale. Citando il romanticismo, Deleuze parla di un’ottica ‘visionaria’, della necessità «di cogliere l’intollerabile o l’insopportabile» al fine di «fare della visione pura un mezzo di conoscenza e d’azione»[3], come se fosse ormai impossibile fidarsi dell’oggi translucido, delle categorie predeterminate e per questo vacue. È quanto accade in Hiroshima mon amour, opera cerebrale e ‘liminare’, edificata sulla coalescenza di notte e giorno, di realtà e visione.

Tutto, nel film in questione, rivela l’assimilazione dei principi bergsoniani, sovente integrati ai moduli della Recherche, con quell’idea di memoria che non è ricordo né ‘traccia’ bensì – ancora una volta – dispositivo mobile. Si tratta, come è ovvio, di fare i conti con un tempo non cronologico, svincolato dai dati fattuali e dall’idea – conciliante – di qualunque linearità. Per Resnais e Bergson il passato coesiste col presente anzi, a ben vedere, è esso stesso un ‘antico presente’. Tutto si compenetra secondo un rapporto osmotico ed è per questo che Hiroshima mon amour non si accontenta dei flashback (di fatto rarissimi) ma immerge i suoi personaggi in un brodo memoriale, in cui tutte le facoltà del pensiero risultano sollecitate.

Due luoghi, una (doppia) memoria

La vicenda è intensa, dolorosissima, capace di mescidare amore e disgrazia, la forza della passione contro il dramma atomico. Anche qui, però, si tratta compresenza. L’incontro fra un’attrice francese (Emmanuelle Riva) e un architetto giapponese (Eiji Okada) si muove su falde di realtà oscillanti, tempestate di ricordi, ri-costruzioni, dimenticanze, corrispondenze. Portatori ciascuno di una propria memoria, essi vivono un ‘oggi’ che è estraneità e integrazione: due le città sullo sfondo, due le zone di un passato tragicamente permanente. Hiroshima e Nevers – luoghi dell’anima e dello strazio – si alternano nell’opera come frammenti di oblio, resi confusi e ancor più coincidenti dall’interferenza degli elementi, come il fiume giapponese e le banchine della Loira, il neon delle strade e i riverberi della provincia.

Il primo quarto d’ora ha la parvenza del documentario, le voci fuori campo che discutono della bomba, con le immagini dello scoppio e la conseguente deformazione, i numeri che svaniscono davanti ai corpi martoriati. In abbrivio – e ancora dopo, per ellissi – l’amplesso dei due amanti decostruisce l’intento ‘storico’: al centro c’è la carne, l’essere, la coincidenza speculare che va al di là del visibile. I corpi puliti, via via coperti di cenere, recano tracce morali del medesimo dramma: lui, «completamente giapponese», è un sopravvissuto che ha Hiroshima negli occhi; lei, fuggita a Parigi, reca i segni del mascheramento, chiede di essere divorata, deformata, al fine di espellere la tossicità – di obliare, mediante un’altra memoria, la propria intima, terribile anamnesi.

Dal dramma alla catarsi

Ecco le mani, dunque, le unghie conficcate nella spalla di lui, quasi a simboleggiare l’appropriazione, il desiderio di essere altro toccando l’Altro, ghermendo – insieme a questo – il rimosso e l’indicibile. Tante le sequenze ‘visionarie’, in cui il recupero memoriale (laddove possibile, e pur sempre manchevole) funge da occasione gnostica; si procede per sovrapposizioni, minimi dettagli che cancellano lo spazio-tempo: un braccio, uno sguardo, una voce. E poi i pronomi, i tempi verbali, ‘tu’ che diventa ‘lui’ ed è presente e passato insieme. Scopriamo, in un crescendo onirico, che l’architetto evoca i tratti di un’antica passione, quella per un soldato tedesco ucciso a Nevers. I piani si alternano, deflagrano in un continuum di spazi e generi differenti [4], dove l’inconciliabilità dispone il terreno alla ri-costruzione.

«Tu non hai visto niente a Hiroshima» ripete ossessivamente lui, eppure è mediante quello sguardo che anch’egli ricorda, e rammenta soprattutto quanto è terribile dimenticare. Seduti al bar dove avviene il transfert, lui è oggetto e soggetto di una memoria involontaria, traslata – appunto – e pertanto ‘devastante’. È così che entrambi vedono, cogliendo infine l’intollerabile; con i modi letterari di Marguerite Duras («Io ti incontro e mi ricordo di te. Chi sei tu? Tu mi uccidi. Tu mi fai del bene») si srotola il racconto di un amore impossibile, marchiato, “infame”, pagato a caro prezzo. Nel luogo dell’oblio e della desolazione, dove ogni cosa è stata spazzata via in nove secondi, lui e lei ricordano. Alieni gli uni agli altri, nella parentesi di uno spazio vuoto, si aprono alla catarsi: a Hiroshima torna a crescere un fiore, mentre Nevers, «storia da quattro soldi», è consegnata all’oblio.

Ginevra Amadio

Tre motivi per vedere il film

  • – La folgorante overture
    – I volti dolenti, perfetti, di Emmanuelle Riva e Eiji Okada
    – Il ‘film di Never’, un lungo flashback impuro.

Quando vedere il film

Non è un’opere semplice, immediata o riposante. Consiglio il giusto tempo, e una certa predisposizione.

Note

[1] Si veda a proposito la disamina, chiara e approfondita, condotta da Katia Rossi in Hiroshima mon Amour: l’architettura della memoria in Resnais, in “Kykéio: semestrale di idee in discussione”, 4, Firenze, Firenze University Press, novembre 2000.
[2] G. Deleuze, L’image-mouvement. Cinéma 1, Paris, Minuit, 1983.
[3] ID, L’image-temps. Cinéma 2, Paris, Minuit, 1985.
[4] K. Rossi, Hiroshima mon Amour, cit.

Avete perso l’ultimo appuntamento con il cineforum? Eccolo per voi!

Le immagini contenute in questa recensione sono riprodotte in osservanza dell’articolo 70, comma 1, Legge 22 aprile 1941 n. 633 sulla Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio. Si tratta, infatti, di «riassunto, […] citazione o […] riproduzione di brani o di parti di opera […]» utilizzati «per uso di critica o di discussione», nonché per mere finalità illustrative e per fini non commerciali. La presenza in CulturaMente non costituisce «concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera».

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui