Tor Pignattara: rinasce il Cinema Impero

Nella torre della struttura che ospita lo storico cinema e spazio artistico del V Municipio, riprendono finalmente le attività culturali. Claudio Gnessi, CdQ Torpignattara: “Le nostre linee guida sono state rispettate”.

Questa volta è vero: il Cinema Impero, perlomeno nella torre dello stabile che lo ospita, sta tornando ad essere il polo culturale che cittadini e CDQ, da anni e anni, chiedevano all’amministrazione e al proprietario della struttura, l’imprenditore Alessandro Longobardi.

tor pignattara
Grazie anche all’associazione “Spazio Impero Bonita Dance” infatti, dai primi giorni del mese di ottobre sono qui attive una serie di attività formative ed artistiche con l’obiettivo di promuovere l’integrazione e l’aggregazione sociale, funzione importantissima per un quartiere cosmopolita come Torpignattara. “Qui organizziamo corsi formativi, molti dei quali di balli di gruppo caraibici e sudamericani. Ma insegniamo anche teatro per adulti e bambini e, da poco, anche musica popolare con il maestro Mario Puorro” ci dice Alessandro Grimaldi, ballerino professionista e coreografo dell’associazione Spazio Impero. “[…] sul territorio lavoriamo molto sul “popolare” come linguaggio artistico; prediligiamo infatti il folklore al fine di dare la possibilità ai cittadini di esprimersi e di socializzare” ci spiega, e aggiunge: “I balli di gruppo in funzione di ciò li ritengo molto importanti. Noi teniamo moltissimo a far avvicinare la gente del quartiere alla nostra realtà, che si propone, in ultima analisi, di far finalmente rinascere il Cinema Impero.

tor pignattara
Peraltro questo luogo rappresenta un simbolo per tutti i romani. Infatti il palazzo che ospita il Cinema Impero è la testimonianza storica di uno dei periodi più conosciuti e controversi dell’Italia. Costruito dopo la metà degli anni ’30 dall’architetto Mario Messina, lo stabile è la chiara testimonianza di un’epoca, quella fascista, in cui lo stile Art Decò, matrice del Razionalismo Italiano, lascia chiaramente la sua impronta su molteplici costruzioni del periodo che precede la Seconda Guerra Mondiale.
Nella struttura, però, si svolsero le attività cinematografiche solo fino agli anni ’70, periodo in cui abbassò le saracinesche. Da quel momento, il Cinema Impero divenne il ritrovo di vagabondi e senza tetto che contribuirono al progredire del degrado già portato avanti dal tempo.
tor pignattara
Ora però pare proprio che la musica sia cambiata. Infatti anche il CdQ Torpignattara loda le iniziative di Spazio Impero e l’investimento della famiglia Longobardi: “Le nostre linee guida sono state rispettate” ci dice Claudio Gnessi del CdQ sottolineando che: “Noi questo volevamo, la riapertura dello spazio secondo un desiderio condiviso. Cose che sono state espresse dal nostro Laboratorio di Partecipazione, al quale hanno partecipato più di mille persone in un anno. Da quel laboratorio infatti è venuto fuori anche il desiderio della formazione artistica come attività del Cinema, quindi siamo soddisfatti” ha poi concluso.
Insomma, pare che Torpignattara possa finalmente godersi quello che molti reputano un suo diritto fondamentale: uno spazio multiculturale che possa rappresentare un punto di riferimento importante per l’integrazione, l’arte e l’aggregazione sociale.
Alberto Salmè

Lascia un commento

Lascia un commento!
Inserisci il tuo nome qui